Depressione

Depressione
La depressione

La depressione è una sindrome caratterizzata da un insieme di sintomi psichici e fisici persistenti nel tempo, consistente principalmente in una diminuzione da lieve a grave del tono dell’umore, talvolta associata ad ideazioni di tipo suicida od autolesionista. A questa sintomatologia principale possono accompagnarsi deficit dell’attenzione e della concentrazione, insonnia, disturbi alimentari, estrema ed immotivata prostrazione fisica.

Può essere di tipo unipolare, quando l’umore si mantiene basso e sono presenti rallentamento psicomotorio ed alterazioni del ciclo sonno/veglia mentre la melanconia è prevalente nelle prime ore del mattino; di tipo maniaco-depressivo, altrimenti nota come sindrome bipolare, in quanto caratterizzata dall’alternarsi di periodi di mania con periodi in cui invece il tono dell’umore scende sotto i livelli di soglia.

Un altro tipo di depressione viene definita reattiva, detta anche “reazione depressiva”, comune reazione umana a fattori di stress o shock emotivi, quali lutti o forti perdite. Sebbene i meccanismi interni alla base della Depressione siano attualmente sconosciuti, è ormai accertato che la malattia è in genere slatentizzata da un periodo di stress, sia esso negativo o positivo. La malattia infatti si può innescare dopo alcune fasi importanti della vita: un lutto, un licenziamento, un grande dispiacere ma anche un innamoramento, una grossa vincita; in generale qualsiasi cambiamento rilevante può indurre la manifestazione del disturbo in soggetti predisposti.

L’evento che innesca la depressione è definito “stressor”; esso tuttavia non è di per sè in grado di causare la depressione, ma solo di renderla manifesta, fatti salvi quei casi in cui la depressione sia semplicemente reattiva: in questi casi essa guarisce, in genere, senza alcun trattamento. Se la malattia si innesca senza alcun evento scatenante è definita depressione endogena. Con questa espressione si vuole sottolineare la presenza di cause profonde, non transitorie, all’interno dell’organismo del soggetto; cause che alcune teorie interpretano come connesse al patrimonio genetico del soggetto(in questo senso si può parlare di una familiarità della malattia), ovvero come una alterazione biologica del funzionamento di uno o più neurotrasmettitori, alterazione di cui tuttavia non è possibile individuare e spiegare altrimenti l’origine.

La depressione endogena è altresì spiegata, dal punto di vista psicodinamico, come il risultato di una mancata elaborazione di vissuti emotivi profondi, verosimilmente traumatici, depositatesi nell’inconscio a causa di processi di rimozione.

Terapia

È stato dimostrato che la psicoterapia in associazione alla cura farmacologica  e alla Mindfulness è più efficace di ogni altro tipo di terapia da sola nel disturbo depressivo maggiore. Le psicoterapie possibili sono diverse, per esempio:

Terapia cognitiva

Terapia comportamentale

Terapia a orientamento psicoanalitico

Terapia di gruppo

Terapia familiare

Neurotecnologia

Meditazione e MINDFULNESS

Training autogeno

Terapia elettroconvulsivante (ECT)

 

 

Nei casi di farmacoresistenza o di impossibilità a somministrare antidepressivi di sorta, un modello di trattamento discusso è rappresentato dalla terapia elettroconvulsiva (elettroshock). Secondo qualcuno è efficace, nel caso delle forme più gravi del disturbo, ma non tiene affatto conto dei fattori secondari e della soggettività del paziente di un trattamento così traumatico. Tuttavia l’elettroshock risulta ancora oggi lo strumento terapeutico più efficace con oltre l’85% di successi terapeutici in termini di remissione. Il problema dell’ECT risulta essere quello relativo alla non prevenzione delle ricadute, che dopo questo genere di terapia sembrano essere frequenti.

Terapia Cognitivo-Comportamentale e MINDFULNESS

Un percorso di psicoterapia approfondito per indagare le cause della depressione può risultare molto utile se praticato in un giusto clima di consapevolezza e rispetto. Con l’appoggio di una buona e studiata farmacoterapia ed escludendo l’utilizzo di altre tecniche invasive ed invalidanti quali l’elettroshock, possono essere raggiunti ottimi livelli di benessere anche se questo tipo di patologia, nei casi più estremi, necessita di un costante monitoraggio ed un sostegno psicologico massiccio.

Moderne ricerche cliniche e neurologiche hanno dimostrato come invece un percorso di terapia cognitiva su base mindfulness diminuisca la casistica di ricadute nel medio e lungo periodo post terapeutico. I risultati statistici ci insegnano addirittura che la mindfulness e i percorsi o i protocolli ad essa legati come l’ MBSR o l’MBCT hanno maggior successo delle psicoterapie con farmaco o di terapie basate sul solo farmaco.